Milano

Io appartengo a quella schiera di milanesi adottivi che non possono sopportare il luogo comune sulla loro adorata città, che la vorrebbe grigia, frenetica, caotica e immeritatamente snob. Così mi imbarco in lunghi e noiosi sermoni, cercando di spiegare che Milano è arte, storia, cultura, scienza, scorci pittoreschi, luoghi di assoluta quiete, verde dei parchi, opportunità della metropoli, eleganza e fascino.

Ma è tutto inutile, chi non la vive, Milano, non può capirlo. Soprattutto perchè il volto migliore Milano lo mostra quando tutti i suoi ingrati pendolari sono tornati nelle loro periferie dopo il lavoro. Milano di notte ha una calma quasi irreale e le sue strade e i suoi palazzi sembrano finalmente tirare un sospiro di sollievo.

Ho vissuto Milano praticamente da quando sono nata, ma sempre come una seconda casa, una sistemazione provvisoria. Solo negli ultimi anni ho cominciato a considerarla il mio “campo base” e da allora l’ho scoperta ancora più bella di come la ricordassi.